Scheda articolo : 189446
XIX secolo, Ritratto di Tiziano Vecellio e Rembrandt, Olio su tela
Epoca: Ottocento

XIX secolo

Ritratto di Tiziano Vecellio e Rembrandt

Olio su tela, cm 25 x 18,5 – con cornice cm 46 x 37

 

I due ritratti che raffigurano gli artisti Tiziano Vecellio e Rembrandt qui presentati sono da annoverare tra le riproduzioni di quei celebri autoritratti eseguite dai due pittori nell'arco della loro carriera.

Per quanto concerne Tiziano, l'artista realizza numerosi autoritratti che lo riprendono in differenti età della sua vita e in pose di volta in volta diverse. Un esempio è quello conservato al Museo del Prado (Tiziano Vecellio, Autoritratto, 1560, olio su tela, cm 86 × 65, Madrid, Museo del Prado), che ritrae il maestro ormai anziano, come nel caso qui presente. La barba folta e bianca arriva fino a quasi al petto, si raffigura quasi di profilo, mentre qui il busto è frontale e il volto girato di tre quarti; lo sguardo poi è rivolto all’esterno del dipinto e la sua espressione pare stanca e pensierosa. La fronte ampia è scoperta e tagliata da una cuffietta nera aderente dalla quale non fuoriesce alcun capello. Un colletto bianco sottile separa il volto dal resto del corpo abbigliato con un abito nero elegante e sobrio, proprio come nel qui presente ritratto. La figura emerge chiaramente dal fondo privo di oggetto o arredi, cosicché nulla distrae il nostro sguardo dalla immagine del famoso artista che così vuole essere ricordato. Altro esempio è l'autoritratto che si trova a Berlino (Autoritratto, 1552, cm. 96 x 75, Staatliche Museen, Berlino), che riprende l'artista anziano, ma addobbato con una ricca veste e collocato in uno spazio fisico. Da ultimo l'autoritratto a olio su carta, perduto, e citato da Vasari nelle sue Vite nel 1545: l'artista mantiene un basso profilo, come evidenziano l'abito piuttosto dimesso e l'usuale berretto. Una rappresentazione che si ritrova nella xilografia di Giovanni Britto del 1568 e nel bronzo del Sansovino nella sacristia di San Marco.

Per quanto riguarda il ritratto di Rembrandt, il d'apres qui presentato deriva da quel dipinto realizzato ad Amsterdam a soli 28 anni (Rembrandt, Autoritratto, 1634, olio su tavola, 62,5 x 54 cm, Galleria degli Uffizi, Firenze), uno tra gli ottanta autoritratti che il pittore esegue nell'arco della sua vita, tra dipinti e incisioni, quasi a voler fermare la propria maturazione, come uomo e come artista. Qui lo vediamo indossare una ricca ed elegante veste di velluto marrone, adornata con una pesante catena; i riccioli biondi sono coperti da un cappello floscio.

Content for class "clear" Goes Here