Scheda articolo : 185035
Scuola napoletana del XVII secolo, Visione mariana di San Francesco di Paola, Olio su tela
Epoca: Seicento

Scuola napoletana del XVII secolo

Visione mariana di San Francesco di Paola

Olio su tela, cm 98 x 75 - con cornice 111 x 87,5

 

La tela in esame risale al XVII secolo e raffigura la visione mariana di un santo. Sulla base dell'iconografia, la figura vestita con un semplice saio marrone scuro e la barba lunga, può essere identificata con Francesco di Paola, uno dei santi più popolari della chiesa cattolica. Nato a Paola, nei pressi di Cosenza, nel 1486, ancora dodicenne dimostrò un'accentuata fede religiosa e rivelò il dono di manifestazioni soprannaturali. Poco tempo dopo intraprese la vita eremitica, seguendo gli esempi dei tanti anacoreti presenti nella Calabria antica; ben presto altri giovani si unirono a lui, creando una piccola comunità, sempre disponibile ad aiutare i malati e i poveri. Fu fondatore dell'Ordine dei Minimi e morì in Francia nel Venerdì santo del 1507. Nel 1943, Papa Pio XII lo ha proclamato “Patrono delle genti di mare della Nazione italiana”. Il pittore coglie il santo in un momento di intensa preghiera, durante la quale ha l'opportunità di godere di una visione mariana. La scena si svolge in un paesaggio montuoso all'imbrunire, in cui però una luce divina proveniente dall'alto illumina il volto del santo, mostrandone nel dettaglio i segni del tempo sulla pelle. Gli occhi sono rivolti verso il cielo, la bocca è socchiusa, la mano destra portata al petto e la sinistra aperta, mostrano la fede sincera e potente che contraddistingue il calabrese. In alto a sinistra, racchiusa in un medaglione di rose rosse e bianche, compare la Vergine, che teneramente abbraccia il piccolo Gesù. Le rose che circondano la Madre e il Figlio e che lo stesso Gesù tiene in mano, sono il simbolo mariano per eccellenza, i cui delicati colori ricordano la purezza virginale e il mistero dell'incarnazione. Interessanti paralleli possono essere condotti con il Santo francescano in ghirlanda di fiori attribuito ad Andrea Miglionico e conservato nella Fondazione Santomasi nella Pinacoteca Gravina in Puglia o con il “santo in estasi” presente nella collezione Cankar in Slovenia e di cui era avanzata un'attribuzione al Ribera.

 

Content for class "clear" Goes Here