Scheda articolo : 184116
Cerchia di Hans von Haachen (1552 – 1615), Sacra Famiglia, Olio su tavola
Epoca: Cinquecento

Cerchia di Hans von Haachen (Colonia, 1552 – Praga, 4 marzo 1615)

Sacra Famiglia

Olio su tavola, cm 39,2 x 28,6

 

Nato da una famiglia originaria della città di Aquisgrana (in tedesco Aachen, da cui il nome), è allievo del fiammingo Georg Jerrigh. Si formò sotto l'influsso dell'opera di Bartolomeus Spranger, prima di proseguire gli studi nel 1574 in Italia, a Firenze, dove dipinge diversi ritratti, a Roma e forse anche a Venezia, dal momento che il pittore sembra avere assimilato anche la lezione del Tintoretto, da cui nascono le radici del suo manierismo.

Torna in Germania nel 1588 e si fa una buona fama di ritrattista presso committenti di Colonia, della casa ducale dei Wittelsbach di Monaco di Baviera e nella famiglia dei banchieri Fugger ad Augusta. Nel 1592 dipinge a Praga il ritratto dell'imperatore Rodolfo II e diviene pittore della corte imperiale svolgendo anche incarichi diplomatici.

Nel 1596 si sposa con la figlia del grande musicista fiammingo Orlando di Lasso e dal 1601 risiede definitivamente a Praga, dove muore nel 1615.

I motivi della sua pittura risiedono in rappresentazioni religiose, mitologiche e allegoriche; come il suo Trionfo della Verità, tipico dipinto manierista che, pur nelle ridotte dimensioni, unisce perfezione tecnica e composizione accurata. Nell'opera su tavola qui esaminata si riscontra la conoscenza delle opere del maestro, sia nell'impianto compositivo, che in quello narrativo. I diversi personaggi sono legati giochi di sguardi, con un impostazione che vede la Vergine con il Bambino in primo piano, affiancata da un anziano san Giuseppe intento ad ascoltare i cori angelici rappresentati in secondo piano. L'impianto luministico dai colori aciduli e cangianti dona alla composizione un forte impatto visivo nel riguardante.

Content for class "clear" Goes Here