Scheda articolo : 182182
Scuola Emiliana del XVII secolo, Riposo durante la fuga in Egitto, Olio su tela
Epoca: Seicento

Scuola Emiliana del XVII secolo

Riposo durante la fuga in Egitto

Olio su tela, cm 90 x 70

 

Il soggetto del dipinto è desunto dal Vangelo di Matteo e fa riferimento alla fuga in Egitto della Sacra Famiglia, dopo aver appreso che re Erode il Grande intendeva far uccidere i bambini della zona (strage degli innocenti). In sogno un Angelo appare a Giuseppe, lo avverte del pericolo e gli ordina di portare Gesù e sua madre in Egitto. Nel corso del XVI e XVII secolo, con l'interesse generale per la pittura paesaggista, le opere che si rifanno alla Fuga in Egitto rappresentano l'episodio con piccole figure immerse in un paesaggio di grandi dimensioni. La tavola esibisce caratteri che rimandano alla lezione emiliana, riscontrando analogie con le opere di Giovanni Andrea Donducci, detto il Mastelletta (Bologna, 14 febbraio 1575 – 1655), pittore barocco appartenente alla scuola bolognese di pittura. Nato da una famiglia piccolo borghese - il padre era un piccolo artigiano, fabbricante di mastelli - compie il proprio apprendistato presso l'accademia dei Carracci, assieme a Domenico Zampieri (detto il Domenichino), a Lucio Massari e, probabilmente, anche a Francesco Albani. Alcuni confronti, in particolar modo riguardanti la resa del paesaggio e delle figure angeliche quasi eteree e trasparenti, possono essere effettuati con opere dell'artista raffiguranti il medesimo soggetto e conservate nella Collezione Patrizi di Roma e nella Pinacoteca Nazionale di Bologna. Una seconda analogia può essere individuata nella tela raffigurante “Cristo servito dagli angeli” in Collezione privata modenese.

Seguendo la tradizione iconografica, l'artista dipinge Maria con Gesù in braccio e Giuseppe dormiente, mentre lo sfondo è dominato da uno splendido paesaggio con figure angeliche in sottofondo. La Sacra Famiglia è accompagnata da due angeli, uno dei quali recante un piatto colmo di frutti. Riuscita è la resa dei volti dei personaggi delineati dal chiaroscuro. Molto ben eseguiti, inoltre, sono i panneggi dei personaggi. Di alta qualità, infine, è la resa quasi tormentata dal paesaggio sullo sfondo, con lo splendido albero a destra posto in controluce, a guisa di quinta, e le montagne in lontananza.

Content for class "clear" Goes Here