Scheda articolo : 166898
XVI secolo, Cristo davanti a re Erode, Olio su rame
Epoca: Cinquecento

XVI secolo

Cristo davanti a re Erode

Olio su rame, cm 22 x 18; con cornice cm 33 x 29

Il dipinto su rame in esame, databile al XVI secolo, raffigura Cristo condotto davanti a re Erode.

Dopo la celebrazione dell'Ultima cena in compagnia degli apostoli, Gesù fu arrestato nell'orto del Getsemani, poco fuori Gerusalemme, con la complicità di Giuda Iscariota. In seguito fu interrogato dalle varie autorità politiche e religiose dell'epoca.

Fu condotto da Ponzio Pilato, per farlo condannare a morte; ma Pilato lo dichiarò innocente,non trovando in lui nessuna colpa. Per liberarsi dagli insulti dei Giudei che insistevano nel chiedere la morte del Salvatore, lo mandò da Erode. Erode fu molto contento di vedersi condotto davanti Gesù Cristo, perché sperava che egli, per sfuggire alla morte, avrebbe fatto alla sua presenza qualcuno dei tanti prodigi di cui aveva sentito parlare.

Perciò lo interrogò con diverse domande. Ma Gesù tacque e non rispose, perché non voleva essere liberato dalla morte e perché quel malvagio non era degno delle sue risposte.

Allora il re superbo, insieme con la sua corte, lo coprì di disprezzi e lo fece rivestire di una veste di grande splendore per prendersi gioco di lui come di un povero pazzo, e poi lo rimandò a Pilato.

Content for class "clear" Goes Here