Scheda articolo : 165480
Luigi Spreafico (Galbiate 1823 - Como 1923), CARNEVALE IN PIAZZA DUOMO
Epoca: Ottocento

Luigi Spreafico (Galbiate 1823 - Como 1923)

Carnevale in Piazza Duomo

Olio su tela, cm 105 x 160

 

La tela in esame, rarissima per iconografia e soggetto è firmata dal pittore, originario di Galbiate, Luigi Spreafico (1823 - 1906). Trasferitosi a Milano vi completò la sua formazione artistica, presso l'Accademia di Brera. Alle esposizioni dell'accademia, cui partecipò numerose volte, vinse due premi, nel 1869 e nel 1872.

Risulta interessante notare, da un punto di vista cronologico, come la costruzione del palazzo dei portici settentrionali di piazza del Duomo consenta di datare l'opera tra il sesto e settimo decennio del XIX secolo, mentre si costruivano la Galleria Vittorio Emanuele e i portici settentrionali.

Dopo l'ingresso di Vittorio Emanuele II a Milano, nel 1860 si apprestava una speciale commissione per la sistemazione della piazza e dei suoi collegamenti. Il progetto fu affidato a Giuseppe Mengoni e il sette marzo 1865 il re poneva la prima pietra. Il palazzo dei portici settentrionali viene inaugurato nel 1874 dal principe Umberto. Di grande interesse per la storia della città e del costume risultano le scritte pubblicitarie: il magazzino di abiti per signore, il fotografo, due relative a gallerie di antichità, un ristorante e un commerciante di tende e persiane. IL ristorante, L'Antica fiaschetteria toscana, è ricordata anche per essere stata la prima sede del Milan, a partire dal 1899; attualmente vi si trova un negozio di abbigliamento dopo che per alcuni anni, per un curioso caso del destino, vi aveva trovato sede un Inter store.

All'angolo del Duomo si possono inoltre vedere riprodotti con grande cura e attenzione i rilievi per la Cattedrale realizzati da Carlo Maria Giudici (1723 – 1804).

Oltre all'interesse storico del dipinto risulta bellissimo il dinamismo e il movimento di quest'opera, capace di cogliere la vita della piazza in un giorno particolare come l'Alba di Quaresima. Oltre ad alcune persone che salgono gli scalini del Duomo, ad una carrozza nera che attraversa la piazza, ai due spazzini, al giovane e all'anziano che lavorano davanti ai portici, di grande fascino risultano le figure mascherate che festeggiano il Carnevale, l'ultimo giorno, prima dell'inizio della Quaresima. Esuberanti e accese nelle cromie accendono, in una pennellata vibrante e sfrangiata, l'intera tela e la piazza.

La vivacità e la bellezza di questo dipinto e la rarità del soggetto, uniti all'interesse documentario, rendono questa tela una delle opere più interessanti, se non il capolavoro di un pittore come Luigi Spreafico, sempre attento alla realtà della città di Milano e dei suoi monumenti.

 

Il dipinto è pubblicato in E.Sioli Legnani "Poesia di Milano" Milano 1940, pag.59, tav.20 

Content for class "clear" Goes Here