Scheda articolo : 162596
Abraham Brueghel (Anversa, 1631 – Napoli, 1697), Natura morta di fiori, frutti, funghi con pappagallo in un giardino monumentale; Perizia Prof. Alberto Cottino
Epoca: Seicento

Abraham Brueghel (Anversa, 1631 – Napoli, 1697)

Natura morta di fiori, frutti, funghi con pappagallo in un giardino monumentale

Olio su tela, cm 110 x 170; con cornice cm 132 x 193

 

La grande tela in esame, accompagnata dalla perizia del Prof. Alberto Cottino, individua la mano di uno dei più importanti esponenti della pittura fiamminga del XVII secolo, Abraham Brueghel (1631 – 1697).

Discendente da una celebre famiglia di pittori anversani, fu un caposcuola per la grande stagione barocca della natura morta, anche a Roma e Napoli, città in cui risiedette dal 1679 alla morte.

Autore molto apprezzato, dal grande successo, svolse un ruolo chiave nello sviluppo della pittura di natura morta, orientandola verso un gusto ancora più elegante, di ampio respiro, con un progressivo schiarimento dei colori. Un calzante confronto stilistico si evidenzia con una grande tela conservata alla Pinacoteca d'Errico di Matera (pubblicata in ZERI F. , a cura di, La natura morta in Italia, Milano, 1939, vol. II, fig. 1197).

Come sottolineato dal Prof. Cottino la tela di Matera, appartiene, come quella qui analizzata al periodo napoletano del grande maestro. La natura, la sua ricchezza, la fragranza, i profumi, la ricchezza e la varietà cromatica trasformano la scena in un vero e proprio trionfo di abbondanza e raffinatezza pittorica.

Content for class "clear" Goes Here